Borsa: Europa debole con prezzi e dati macro, Milano -0,6%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 30 SET – Si indeboliscono le Borse europee a metà pomeriggio nonostante l’apertura positiva di Wall Street.
    Milano cede lo 0,64%, mentre Londra perde lo 0,3%, Parigi lo 0,6% e Francoforte lo 0,7%. I listini europei scontano i dati sull’inflazione galoppante in Germania, Italia e Francia mentre i prezzi di gas ed energia ritoccano i massimi in vista dell’inverno imminente. Sul fronte della ripresa preoccupano l’andamento del pmi manifatturiero in Cina, sceso sotto quella ‘quota 50’ che marca il confino tra crescita e contrazione, e la crescita maggiore delle attese dei sussidi di disoccupazione negli Usa.
    In Europa vanno male le utility (-1,1%), i titoli legati al turismo (-1,2%) e le auto (-0,8%) mentre tengono farmaceutici (+0,5%), semiconduttori (+0,7%) ed energia (+0,5%). A Piazza Affari soffrono Tim (-2,3%), peggiore tra le tlc europee, Enel (-1,6%) e Nexi (-1,5%), fiacche anche Saipem (-1%), che conta il calo del petrolio (-2% il Wti), Bper (-0,8%) e Prysmian (-0,7%).
    In controtendenza Recordati (+2,1%), Fineco (+1,5%) e Inwit (+0,8%). Bene anche Mediobanca (+0,8%), con il patto che si rafforza attorno al management dopo l’affondo di Del Vecchio sulla governance. Fiacca invece Generali (-0,4%) mentre Cattolica continua a perdere terreno (-0,7%) dopo che il cda ha giudicato congrua l’opa del Leone, deludendo le attese del mercato per un rilancio. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source