Borsa: Europa debole, futures Usa positivi, Milano in parità

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 06 DIC – Si muovono senza direzione le principali borse europee in una giornata avara di dati macroeconomici, limitati agli ordini di fabbrica in Germania e alle stime dell’Api sulle scorte settimanali di greggio negli Usa. Gli investitori attendono le prossime mosse della banche centrali sui tassi, dopo che sono stati alzati di 25 punti base come da stime in Australia. Milano (Ftse Mib +0,01%) si mantiene in parità, sorpassata da Francoforte (+0,14%) e Parigi (+0,07%), mentre cedono qualche posizione Londra (-0,1%) e Madrid (-0,29%). Positivi i futures Usa dopo la chiusura pesante della vigilia a seguito di dati macroeconomici migliori delle stime, che hanno allarmato gli investitori su un’ulteriore stretta della Fed in dicembre.
    Si allenta la tensione sui titoli di stato, con il differenziale tra Btp e Bund decennali tedeschi in calo a 184,7 punti e il rendimento annuo italiano in ribasso di 4,8 punti al 3,689% e quello tedesco di 2,7 punti all’1,846%.Inverte la rotta il greggio, in vista del dato Usa di oggi (Wti -0,05% a 76,88 dollari al barile), mentre prosegue il rialzo del gas naturale (+0,97% a 136 euro al MWh). In calo i metalli, a partire dall’oro (-1,28% a 1.772 dollari l’oncia), mentre si mantiene stabile il dollaro a 0,95 euro.
    Scivolano i petroliferi TotalEnergies (-2,37%), Bp (-1,27%) e Shell (-1,14%) insieme a Eni (-0,55%). In luce il settore delle utility con particolare riferimento agli operatori delle rinnovabili, da Orsted (+2,84%) a Erg (+2,48%). Bene anche Enel (+1,04%), in prima linea su quel fronte. Resistono i produttori di semiconduttori Asml (+0,42%) ed Stm (+0,2%), mentre scivolano i costruttori di auto a partire da Volvo (-2,12%) e Ferrari (-1,16%). Più caute Stellantis (-0,07%), Mercedes (+0,08%) e Volkswagen (+0,21%) (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source