Borsa: Europa debole, guarda più a Fed che ad Afghanistan

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 16 AGO – Frenano le borse europee dopo dieci sedute consecutive quasi senza registrare perdite, che le hanno condotte in molti casi a ritoccare i massimi, come del resto ha fatto Wall Street. Londra perde lo 0,56%, Parigi lo 0,48% e Francoforte lo 0,15%.
    Cedono soprattutto i titoli del comparto dell’energia e del petrolio con il greggio per la terza giornata in calo (Wti -1,87% a 67,1 dollari, Brent -1,67% a 69,4 dollari al barile) sui timori che la variante Delta possa rallentare la crescita delle economie. Più che concentrare l’ attenzione sulla sconfitta degli Usa e degli alleati dopo 20 anni in Afghanistan, area che gli investitori aggiungono alla lista dei rischi geopolitici da monitorare per il futuro, i mercati guardano piuttosto all’appuntamento della Fed di Jackson Hole a fine mese. In settimana si attendono il presidente Jerome Powell, che parlerà domani, mentre mercoledì saranno diffuse le minute del Fomc. Sono intanto in recupero i treasuries americani con i rendimenti in calo mentre si rafforza il dollaro. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source