Borsa: Europa debole nel finale con Wall Street, Milano -3,5%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 19 LUG – Borse europee deboli nel finale da Milano (-3,5%) a Francoforte e Parigi (-2,7% entrambe). Le vendite non risparmiano neanche Madrid (-2,5%) e Londra (-2,35%), mentre a New York il Dow Jones lascia sul campo il 2,17% e il Nasdaq (-1%) appare più cauto. La minaccia della variante Delta spaventa ovunque gli investitori con il greggio (Wti -6,45% a 67,18 dollari) ben due dollari sotto i valori della mattinata per i timori di nuove restrizioni legate al crescere dei contagi, che in Europa hanno superato la soglia delle 50mila unità. Sotto pressione i petroliferi Bp e Shell, in calo entrambi di oltre il 5%, mentre in Piazza Affari Eni cede il 3,,5% e a Parigi TotalEnergies il 4,15%). Giù anche Saipem (-4,16%). Risale a 109,4 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento dei titoli italiani in risalita allo 0,7% secco. Pesano a Milano i bancari Bper (-4,52%), Unicredit (-4,92%), Intesa (-3,76%) e Banco Bpm (-3,3%). Nel resto d’Europa scivolano SocGen (-5%), Bnp (-4,8%), Banco de Sabadell (-4,74%), Lloyds (-4,66%) e Barclays (-4,53%). Giù Tim (-4,2%), che ha abbassato le stime del 2021 e alzato quelle del 2022. Fa peggio Bt (-4,8%), Deutsche Telekom cede il 4,22% e Vodafone il 3,22%. In calo gli automobilistici Renault (-4,5%), Stellantis (-3,85%), Bmw (-3,5%), Daimler (-3,2%) e Volkswagen (-2,9%) colpite tutte dai timori per la rinnovata emergenza coronavirus, che ha già indotto l’inglese Vauxhall (gruppo Stellantis) a ridurre i turni lavorativi nell’impianto di Luton. In forte tensione Exor (-4,4,5%) e Cnh (-4,05%), decisamente più cauta Ferrari (-1,39%) (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source