Borsa: Europa gira in calo, si guarda a banche centrali

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 17 NOV – Le Borse europee girano in calo con gli investitori che valutano l’andamento della crescita economica alla luce dell’inflazione e delle mosse delle banche centrali per raffreddare la corsa dei prezzi. Sul fronte valutario la sterlina si rafforza sul dollaro e sull’euro, in vista della finanziaria che sarà presentata dal cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt. In lieve flessione l’euro sul dollaro a 1,0382 (-0,1%).
    Piatto l’indice d’area stoxx 600 (+0,08%). In flessione Londra (-0,45%), Parigi (+0,18%), Madrid (-0,22%) e Milano (-0,18%). In controtendenza Francoforte (+0,4%). I principali listini del Vecchio continente sono appesantiti dalle utility (-0,46%), con il prezzo del gas in calo. Ad Amsterdam le quotazioni si attestano a 105 euro al megawattora (-7,4%).
    Andamento negativo anche per la farmaceutica e le tlc (-0,1%).
    Contrastato il settore finanziario dove le banche cedono lo 0,2% e le assicurazioni guadagnano lo 0,1%. Bene le auto (+0,5%), dopo i dati positivi sulle immatricolazioni. Avanza l’industria (+0,3%) con le compagnie aeree (+0,1%). Poco variato il lusso (-0,08%), con Burberry che cede lo 0,3% dopo i conti del semestre.
    Poco mossi i rendimenti dei titoli di Stato a dieci anni. Lo spread tra Btp e Bund si attesta a 195 punti, con il tasso del decennale italiano al 3,93% (+2 punti base). Invariato il rendimento del decennale greco al 4,21% e quello spagnolo che sfiora il 3%. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source