Borsa: Europa lima calo iniziale, Omicron pesa sui mercati

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 20 DIC – Le Borse europee limano il rialzo iniziale ma proseguono in netto calo. L’indice d’area stoxx 600 cede l’1,5%, appesantito dall’energia (-2,1%), con il calo del petrolio. Sui mercati pesano i timori per l’arrivo di nuove restrizioni per contenere l’aumento dei contagi della variante Omicron del coronavirus. La paura di limitazioni negli spostamenti ha affondato le compagnie aree (-3,3%) e il turismo (-2,6%). Verso un avvio in forte calo anche Wall Street dove i future sono negativi. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro sale a 1,1277 a Londra.
    La raffica di vendite ha investito tutti i listini del Vecchio continente. Milano è la peggiore e cede il 2,1%. Male anche Francoforte (-1,9%), Madrid (-1,5%), Londra e Parigi (-1,1%). In flessione anche la farmaceutica (-1,9%), le auto (-2,1%) e le assicurazioni (-2%).
    In rosso le utility (-1,3%) mentre il prezzo del gas aumenta.
    Ad Amsterdam le quotazioni registrano un aumento del 6,2% a 145,38 euro al Mwh. A Londra le quotazioni avanzano del 6,4% a 367 penny per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi.
    A Piazza Affari scivolano Nexi (-3,4%), Atlantia (-3,2%) e Stellantis (-3,1%). Tra le banche raffica di vendite su Banco Bpm (-3,3%), Mediobanca (-3,2%), Mps (-3,1%). In controtendenza Carige (+1,1%), con le prese di profitto dopo il forte calo delle sedute precedenti con il mancato via libera del Fitd alla proposta di Bper (-2,6%). In positivo anche Diasorin (+0,8%) e Prysmian (+0,2%). Lo spread tra Btp e Bund è poco mosso a 130 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,92%.
    (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source