Borsa: Europa migliora con tecnologici e utility, giù banche

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 09 FEB – Migliorano le principali Borse europee a inizio seduta, che continuano a guardare però con attenzione a inflazione e eventuali movimenti dei tassi, oltre che alla situazione geopolitica, in particolare per le tensioni Russia-Ucraina. Tra i dati macroeconomici, è stata diffusa la bilancia commerciale tedesca di dicembre, in crescita oltre le stime, e sono attesi la produzione industriale italiana di dicembre, le scorte di greggio negli Usa, insieme alla richieste di ipoteche a inizio febbraio e il dato definitivo sulle scorte all’ingrosso di dicembre.
    In Europa la Piazza migliore è Parigi (+1%), seguita da Francoforte (+0,8%), Madrid (+0,6%) e Londra (+0,4%). Bene anche Milano (+1,2%), con lo spread Btp-Bund che risale lievemente, a 156,3 punti, e il rendimento del decennale italiano all’1,778%.
    Sale l’oro (+0,4%9 a 1.826 dollari l’oncia.
    L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna oltre l’1%. I tecnologici corrono, sulla scia dei guadagni asiatici, con il comparto dei servizi informatici che guadagna il 5% e quello dei semiconduttori il 2,4%. Scendono i future sul gas in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (-2,2%) a 75,5 euro al MWh. Tra le utility bene ad esempio Italgas, (+2,2%), Enel (+1,8%) e Iberdrola (+1,6%). In rialzo le auto, a iniziare da Volkswagen (+2,3%) e Stellantis .(+2,2%). Nel lusso crescite sulla quasi totalità dei titoli, tra cui EssilorLuxottica (+2,2%) e Lvmh (+1,8%). Quasi tutte in rosso le banche, con esempi come Abn Amro (-35%) e Hsbc (-o,8%), con rare eccezioni, come Banco Bpm (+4,7%), il giorno dopo i conti.
    Bene la maggioranza dei farmaceutici, con esempi come AstraZeneca (+0,6%) e Roche (+1,1%), con eccezioni come Bayer (-0,06%). Petroliferi quasi tutti in forma, a iniziare da Equinor (+3,6%) e Neste (+1,5%), con casi in controtendenza come Shell (-0,6%), col greggio piatto (wti +0,02%) a 89m3 dollari al barile e il brent a 90,8 dollari (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source