Borsa: Europa migliora, occhi su negoziato, Milano +2,2%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 29 MAR – Sono puntati sul negoziato tra Russia e Ucraina in corso a Istanbul, in territorio turco, gli occhi degli investitori mondiali, che spingono al rialzo i listini europei. Parigi (+2,6%) e Milano (+2,2%) sono le migliori, seguite da Francoforte (+1,8%), Madrid (+1,55%) e Londra (+1,31%), mentre puntano decisamente al rialzo i futures Usa. Gira invece in negativo la Borsa di Mosca (-2,7%), che tradisce un certo nervosismo nel secondo giorno di scambi a regime dopo una chiusura prolungata dallo scorso 24 febbraio. Si attesta sotto a quota 152,6 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento annuo dei titoli decennali che lievita di 10,4 punti al 2,206%, in linea con quanto avviene per gli altri titoli europei a partire dai Bund tedeschi (+10,1 punti allo 0,677%), il cui rendimento è positivo ormai dallo scorso 8 marzo.
    Oscilla intorno alla parità il greggio (Wti +0,2% a 106,17 dollari al barile), mentre prosegue la corsa del gas (+10,39% a 113,2 euro al MWh). In controtendenza l’oro (-0,68% a 1.914,98 dollari l’oncia) e l’argento (-1,04% a 24,68 dollari l’oncia), ferme al fatto della vigilia le contrattazioni sul nichel (-7,79% a 32.725 dollari la tonnellata).
    Acquisti generalizzati su tutti i settori a partire da quello automobilistico con Volvo (+9,85%), Renault (+5,36%) e Stellantis (+4,78%), pronta a tagliare posti di lavoro in un impianto Jeep negli Usa. In luce i bancari Unicredit (+4,97%), SocGen (+4,39%), Bnp (+3,62%), Intesa (+3,52%) e Santander (+3,13%) a differenza di Barclays (-4,6%), dopo la cessione di azioni per 900 milioni di sterline eseguita da Goldman Sachs per conto di alcuni soci rilevanti, secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, i cui nomi restano ancora segreti. Positivi i petroliferi TotalEnergies (+2,23%), Eni (+1,63%), Shell (+1,51%) e Bp (+1,43%), contrastati invece i telefonici Tim (-0,47%), Vodafone (+0,62%), Deutsche Telekom (+1,35%) e Telefonica (+1,5%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source