Borsa: Europa peggiora dopo parole Putin e avvio Wall Street

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 31 MAR – Le Borse europee peggiorano dopo l’avvio in terreno negativo di Wall Street e con le parole del presidente russo Vladimir Putin sul pagamento del prezzo del petrolio in rubli. I listini del Vecchio continente, dopo una mattinata fiacca, hanno registrato un repentino peggioramento.
    Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è in flessione a 1,1095 a Londra.
    L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,6%. Male Parigi e Francoforte (-1%), Madrid (-0,6%), Milano e Londra (-0,4%).
    Dimezzano il rialzo le utility (+0,4%), con l’impennata del prezzo del gas che ad Amsterdam sale a 124 euro al MWh (+3%). A Londra le quotazioni si attestano a 296 penny al Mmbtu (+3,6%).
    Gira in positivo l’energia (+0,1%), dopo la riunione dell’Opec+ e con il prezzo del petrolio che prosegue in calo. Andamento negativo per il comparto azionario dell’auto (-2%), e banche (-1,3%) e le tlc (-0,9%).
    Tra le altre materie prime sale l’oro a 1.937 dollari l’oncia, con il rialzo dello 0,4%. Avanza anche l’argento con una variazione positiva dello 0,67%. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source