Borsa: Europa peggiora in attesa Wall Street, Milano -1,32%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 14 GEN – Le Borse europee si appesantiscono ulteriormente, da un parte, sul timore di un inasprimento della politica monetaria americana e, dall’altra, per il caro bollette sull’energia che ha messo sotto pressione le utility. In flessione anche i future su Wall Street.
    L’indice d’area del Vecchio Continente, lo stoxx 600, cede quasi un punto percentuale con le vendite su industriali e hi-tech. Si conferma, invece, il buon passo dell’energia con il petrolio in rialzo (wti a 82,5 dollari al barile e il brent a 85 dollari). Sempre sotto la lente poi il gas con l’inasprirsi delle tensioni tra Russia e Ucraina e il timore di una stretta sui flussi da parte di Mosca. Il prezzo è poco sotto i 92 euro Mwh ad Amsterdam mentre la quotazione a Londra è di 219 penny per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi.
    Tra le singole Piazze, Londa cede lo 0,35%, Parigi lo 0,96% e Francoforte l’1,02% con il deficit al 4,3% in Germania nel secondo anno di pandemia. Il listino peggiore è Milano (Ftse Mib -1,32% a 27.478 punti) con maglia nera Ferrari (-3,1%), Interpump (-2,7%), Iveco (-2,6%) ed Enel (-2,1%). Generali cede 1,63% dopo le dimissioni di Caltagirone dal cda. Svetta invece Leonardo (+3%) con la commessa degli elicotteri all’Austria. Lo spread tra Btp e Bund è nell’area dei 132 punti con il rendimento del decennale italiano in frazionale incremento e a ridosso dell’1,25 percento. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source