Borsa: Europa poco mossa con Cina e Fed, rally del petrolio

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 05 DIC – Borse europee poco mosse a metà seduta, con gli entusiasmi degli investitori per l’ammorbidimento delle restrizioni contro il Covid in Cina frenati dall’incertezza sui tassi americani, che la forza dell’economia statunitense potrebbe permettere alla Fed di stringere fin sopra il 5%.
    Londra avanza dello 0,2%, Milano è invariata mentre Parigi cede lo 0,4% e Francoforte lo 0,5%, con anche i future su Wall Street in calo frazionale. Non scaldano gli investitori neppure gli indici pmi dell’Eurozona, di novembre, con letture finali che in alcuni casi si sono rivelate inferiori a quelle flash. Sui mercati vanno bene i titoli di Stato, con lo spread Btp-Bund che scende di quattro punti a quota 186 e il rendimento del Btp che ritraccia di sei punti al 3,68%. Corre invece il petrolio, spinto dalle attese per una riapertura della Cina, con il wti che sale del 2,8% a 82,18 dollari nonostante la decisione dell’Opec+ di prendere tempo e monitorare gli effetti del price cap al petrolio russo e la situazione di Pechino prima di procedere a nuovi tagli della produzione. Frena il gas, dopo un avvio in quarta, con i future di Amsterdam che avanzano dello 0,6% a 136,4 euro.
    A Piazza Affari soffrono Amplifon (-2,3%), Nexi (-1,3%), Campari (-1,5%), Pirelli (-1,2%) e Recordati (-1,2%). Dall’altra parte del listino si mettono in luce Saipem (+5%), Tenaris (+1,3%) e Cnh Industrial (+1%). Fuori dal listino principale in spolvero Mps (+3,8%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source