Borsa: Europa prosegue in calo con i listini Usa, Milano -0,45%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 16 NOV – Appaiono fiacche le principali borse europee con i listini Usa in lieve calo dopo le vendite al dettaglio e la produzione industriale di ottobre. Nel primo caso meglio delle stime (+1,3) e nel secondo peggio (-0,1%). Milano cede lo 0,45%, Londra lo 0,11% e Parigi lo 0,71%. Più deboli Madrid (-0,9%) e Francoforte (-1,17%) mentre il Dow Jones appare invariato e il Nasdaq cede l’1,5%.
    Gli investitori seguono gli sviluppi sul caso dei frammenti di missile caduti ieri in territorio polacco mentre si allenta la tensione sui titoli di stato. Risale a 192,1 punti il differenziale tra Btp e Bund decennali tedeschi, ma il rendimento annuo italiano scende di 12,1 punti al 3,91%, contro i 10 punti in meno del rendimento tedesco che si riporta al 2% secco. Amplia il calo il greggio (Wti -2,2% a 84,99 dollari al barile) e soprattutto il gas naturale (-7,34% a 114,99 euro al MWh) dopo le indiscrezioni sullo ‘schema di meccanismo di correzione del mercato del gas’ dell’Ue. In rialzo i petroliferi Bp (+1,4%) e TotalEnergies (+1,1%) a differenza di Shell (-0,24%) ed Eni (-0,6%). Prese di beneficio su Saipem (-2,79%), tiene invece Tenaris (+0,66%).
    Pesano i i produttori di semiconduttori da ams-Osram (-6%), Asm (-4,95%) ed Stm (-2,39%). Difficoltà anche per il comparto auto. Cede il 5,4% Mercedes, costretta a ridurre i prezzi di listino di due modelli elettrici in Cina e non va meglio a Porsche Holding (-5,85%), Volkswagen (-4,14%) e Renault (-3,85%). Più cauta Stellantis (-1,72%). Contrastate Unilever (+1%) ed Henkel (-0,9%) nel comparto dei beni di largo consumo.
    In campo bancario salgono Caixa (+1,95%) e Banco Bpm (+1,46%), deboli invece SocGen (-1,66%), Credit Agricole (-1,35%) e Barclays (-1,4%). Più caute Commerzbank (-0,27%), Intesa (-0,16%) e Unicredit (-0,28%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source