Borsa: Europa resta pesante dopo Wall street, crolla Mosca

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 24 FEB – Mercati azionari del Vecchio continente sempre pesantissimi dopo l’avvio di Wall street, che ora perde l’1,9% con l’indice Dow Jones e l’1,5% con il Nasdaq: la Borsa di Milano resta la peggiore con un calo che sfiora i cinque punti percentuali (Ftse Mib -4,8%), seguita da Francoforte (-4,4%), Parigi (-4%) e Madrid, che cede il 3,7%.
    In ribasso attorno ai tre punti percentuali Londra e Amsterdam.
    In Piazza Affari sempre violente vendite su Unicredit (che cede il 13%), Pirelli (-11%) e Intesa, in calo di nove punti, mentre Leonardo rimbalza del 2,5% sulle prospettive dei gruppi della Difesa. Lo spread Btp-Bund resta calmo sui 174 punti base, con il rendimento del prodotto del Tesoro all’1,88%.
    Il gas naturale sui mercati europei è ripartito e sale del 40% a 124 euro al Megawattora, anche se resta lontano dal picco di 166 euro in chiusura del 21 dicembre scorso. Petrolio in crescita del 7-8% rispetto all’avvio, il rublo cede quasi il 5% rispetto all’euro, mentre la Borsa di Mosca crolla tra il 35 e il 40% a seconda dei diversi indici. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source