Borsa: Europa sale con futures e trimestrali, Milano +0,6%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 26 OTT – Accelerano le principali borse europee, consolidando i rialzi segnati in apertura, guidate da Francoforte (+0,94%). Seguono Madrid (+0,8%), Milano e Parigi (+0,6% entrambe) e Londra (+0,53%). Positivi i futures Usa, con la stagione delle trimestrali ormai a regime, mentre lo spread tra Btp e Bund tedeschi scende a quota 107 punti ed il rendimento si riduce di 0,9 punti allo 0,954%. In arrivo dagli Usa i prezzi delle case, il Redbook sul commercio, la fiducia dei consumatori e gli indici della Fed di Richmond e di Dallas.
    Tra le numerose trimestrali sono attese quelle Microsoft, Visa, General Electric, 3M, Asm, Thales e Campari. Cala il greggio (Wti -0,54% a 83,32 dollari al barile) in attesa delle anticipazioni dell’Api sulle scorte settimanali Usa, in rialzo il metano (+1,28% a 89,78 euro al Mwh ad Amsterdam), contrastati invece i metalli, con il rame (+1,68% a 9.867 dollari la tonnellata) ed il nichel (+2,87% a 567 dollari la tonnellata) in rialzo a differenza dell’acciaio (-0,53% a 4.863 dollari la tonnellata).
    Effetto conti su Ubs (+1,68%), in una giornata favorevole per il comparto bancario, a partire da Unicredit (+1,43%), che ha chiuso la trattativa con il Tesoro per l’acquisizione di Mps (+0,96%), con ipotesi alternative sul campo, tra cui quella di Banco Bpm (+1,45%). Bene anche Santander (+1,01%), giù invece Commerzank (-0,54%) e Sabadell (-0,51%).
    Sul fronte automobilistico si evidenzia Ferrari (+3,3%), che ha toccato un nuovo record in attesa dei conti del prossimo 2 novembre. Più caute Stellantis (+0,43%), Daimler (-0,45%) e Bmw (+0,08%), mentre cedono Volkswagen (-0,15%) e Renault (-0,4%).
    Effetto conti sui produttori di microprocessori Be (-2,21%) ed Asm (-0,89%). In controtendenza Infineon (+0,72%), Stm e Nordic (+1,2% entrambe) ed Ams (+1,6%). Deboli i petroliferi Bp (-0,49%) Eni (-0,47%) e Shell (-0,43%), invariata TotalEnergies, mentre sul fronte estrattivo-minerario e siderurgico salgono Thyssen (+1,72%), ArcelorMittal (+1,04%) a differenza di Glencore (-0,28%) e Bhp (-0,27%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source