Borsa: Evergrande sospende contrattazioni e annuncia transazione

Pubblicità
Pubblicità

Il colosso immobiliare cinese Evergrande sospende le contrattazioni alla Borsa di Hong Kong. Il prezzo delle azioni della società cala di circa l’80% dall’inizio dell’anno. Alle prese con un debito di 260 miliardi di euro, il gruppo sta lottando da diverse settimane per onorare i pagamenti degli interessi e le consegne degli appartamenti. Quindi comunica in una nota che la sospensione delle sue azioni dalle contrattazioni è stata fatta “in attesa di un annuncio” della società in merito a una “importante transazione”.

Secondo indiscrezioni rilanciate dalla piattaforma di informazioni finanziare cinesi Cailian, Hopson Development Holdings, le cui azioni sono state egualmente sospese dalle contrattazioni di Borsa, starebbe pensado di rilevare il 51% della controllata dello sviluppatore immobiliare, Evergrande Property Services Group, per circa 40 miliardi di dollari di Hong Kong, pari a circa 5,1 miliardi di dollari.
   

Le Borse asiatiche iniziano male la settimana, con gli indici in deciso ribasso mentre gli investitori guardano agli sviluppi della crisi del colosso immobiliare cinese Evergrande e le preoccupazioni sull’inflazione tengono banco. Tokyo ha chiuso in calo dell’1,1% mentre Hong Kong sta cedendo il 2,1%. Chiuse per festività le Borse cinesi, al pari di Seul. In controtendenza invece Sydney, salita dell’1,3%. Settembre è stato per i mercati il mese peggiore da marzo 2020 a causa dei timori sul caro-prezzi, sulle interruzioni della supply-chain, sulla crisi energetica e sui riflessi che questi fattori avranno sulla crescita. Il petrolio è in lieve calo (-0,3% sia il wti che il brent, rispettivamente a 75,6 e 79 dollari) in attesa della riunione dell’Opec+, che oggi valuterà un aumento della produzione allo scopo di allentare la pressione sui prezzi del greggio. I mercati restano sotto tensione per la situazione di Evergrande, a rischio di default in occasione di ogni scadenza debitoria. La sospensione della azioni dalle contrattazioni alla Borsa di Honk Kong ha preoccupato i mercati anche se Evergrande ha successivamente comunicato che il congelamento è stato deciso in attesa di una comunicazione su una “importante transazione” che la piattaforma finanziaria Cainian ha identificato nella cessione per 5,1 miliardi di dollari del 51% della controllata Evergrande Property Services Group a Hopson Development Holdings.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source