Borsa: l’Europa contrastata attende Wall Street, Milano +0,2%

Pubblicità
Pubblicità

Le Borse europee sono contrastate a metà seduta in attesa di Wall Street dove i future sono in rialzo. I mercati cercano una direzione dopo un avvio fiacco e mentre proseguono gli esiti delle trimestrali. Sotto i riflettori resta il tema del rialzo dei tassi per contrastare l’inflazione, in vista della prossima settimana quando sono attese le decisioni delle banche centrali. Sul fronte valutario l’euro è stabile a 1,1126 sul dollaro.
    L’indice d’area stoxx 600 sale dello 0,1%. Nel Vecchio continente avanzano Parigi (+0,3%), Milano (+0,2%), Madrid e Londra (+0,1%). Resta al palo Francoforte che cede lo 0,3%. I principali listini sono sostenuti dall’energia (+0,8%) che allunga il passo con il netto rialzo del prezzo del petrolio. Il Wti guadagna l’1,3% a 76,63 dollari al barile e il Brent sale dell’1,2% a 80,63 dollari.
    Seduta positiva anche per il comparto finanziario con le banche e le assicurazioni che guadagnano lo 0,5%. Bene le utility (+0,3%), con il prezzo del gas che si attesta a 29,6 euro al megawattora (+5,5%). Ancora vendite sul settore tecnologico (-0,7%) con le incertezze sulle materie prime e sulla produzione di semiconduttori.
    A Piazza Affari vola Recordati (+3,3%), dopo l’accordo con Gsk per la distribuzione di due farmaci. In luce Pirelli (+1,1%) con il mercato dei pneumatici che tiene ed in vista dei conti del trimestre. Positive le banche tra le quali si mette in mostra Mediolanum (+0,9%). Scivolano Leonardo (-1,7%) e Nexi (-1,2%). Stm e Saipem cede lo 0,9 per cento.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source