ce847b53d6ea483576dc2d833facc64e

Borsa: l’Europa cresce, con l’ottimismo per le riaperture

Economia
Pubblicità
Pubblicità

ce847b53d6ea483576dc2d833facc64e

(ANSA) – MILANO, 01 GIU – Proseguono ottimiste, mentre sono positivi i future a Wall Street, dopo la vigilia chiusa per festività, le principali Borse europee, in vista delle maggiori riaperture con l’allentarsi della stretta della pandemia da Covid 19 e con la fiducia degli indici Pmi dell’Eurozona, sopra le attese. La migliore è Francoforte (+1,4%), dove l’indice Dax è su nuovi record storici, con la disoccupazione in calo in Germania, seguita da Londra (+1,2%), dove la sterlina ha toccato i massimi dal 2018 e con l’indice Ftse 100 ai livelli pre-pandemia, Parigi, (+0,8%), con l’indice Cac 40 che si riporta sui livelli del 2000, e Madrid (+0,5%). In linea Milano (+1,2%), con il Ftse Mib sopra i livelli pre-Covid, corrispondenti a quelli di fine 2008. In calo lo spread Btp-Bund a 107,6 punti e il rendimento del decennale italiano allo 0,88%, mentre i dati Istat rivedono in meglio le stime sul Pil del primo trimestre. Cauto rialzo per l’oro (+0,1%) a 1.906 dollari l’oncia.
    L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna oltre l’1%, con i petroliferi a trainare, spinti dal rincaro del greggio (wti +2,7%) a 68,1 dollari al barile, con la riunione in giornata dell’Opec Plus. Al top Aker (+4,7%) e Equinor (+3,4%).
    Sale ancora, tra le materie prime, il prezzo dei metalli, minerale di ferro per primo (+4,3%) a 1.137 dollari la tonnellata, con eccezione l’acciaio (-1%), comunque a 4.977 dollari alla tonnellata. Ne conseguono i guadagni nell’estrattivo, da Anglo American (+3,8%) a Rio Tinto (+3,6%), per il rame con Antofagasta (+3,4%), per l’acciaio soprattutto per Evraz (+3,3%). Tra i semiconduttori corre Be Semiconductor (+3,2%). Bene le banche, da Ing (+2,5%) a Bank of Ireland (+3,2%), con eccezioni come Hsbc (-1,2%). Tra le auto, tutte in positivo in attesa dei dati di mercato, spiccano Porsche (+4,8%) e Daimler (+2,7%). (ANSA).
   



Go to Source