Borsa: l’Europa in negativo, pesano petroliferi e banche

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 13 DIC – Peggiorano le principali Borse europee verso fine seduta, tutte in negativo, come l’andamento di Wall Street, mentre gli Usa guardano alle prossime mosse della Fed, che ha in calendario mercoledì una riunione in cui secondo alcuni analisti potrebbe annunciare un anticipo sull’aumento dei tassi, prima della Bce, che ha un incontro giovedì. Sullo sfondo restano i timori per la pandemia da Covid 19, con la variante Omicron. Guadagna qualcosa l’oro (+0,06%) a 1.788 dollari l’oncia. In Europa la Borsa peggiore è Londra (-0,8%), seguita da Parigi (-0,7%), Madrid (-0,5%) e Francoforte (-0,02%). In calo anche Milano (-0,6%), con lo spread Btp Bund a 129,7 punti, sostanzialmente stabile, e il rendimento del decennale italiano ancora in calo, allo 0,91%.
    L’indice d’area, Stoxx 600, cede quasi lo 0,4%, sotto il peso soprattutto di energia, investimenti immobiliari e finanza.
    Tengono i comparti salute e informatica. Cresce il prezzo del gas in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (+9,4%) a 115,3 euro al MWh, con le tensioni tra Russia e Ucraina, che creano timori per il gasdotto Nord Stream 2. Col greggio che rallenta il calo (wti -0,01%) a 71,6 dollari al barile e il brent a 75 dollari, male i petroliferi, cominciando da Royal Dutch (-2,5%) e Aker (-2,9%). Tra le banche molti cali, come quelli di Erste (-2,6%) e Lloyds (-4,4%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source