Borsa: l’Europa in rosso con apertura Wall Street negativa

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 24 NOV – Sono in rosso le principali Borse europee, dopo l’apertura negativa di Wall Street, con i dati sul Pil Usa del terzo trimestre sotto le attese, gli ordini di beni durevoli a ottobre in calo e non basta a compensare il dato sui sussidi di disoccupazione, con le richieste al minimo dal 1969.
    In Europa la peggiore è Francoforte, coi dati sui contagi da Covid 19 che continuano a pesare, seguita da Parigi (-0,8%), Madrid (-0,6%) e Londra (-0,1%). In linea Milano (-0,3%), con lo spread Btp-Bund a 131,8 punti e il rendimento del decennale italiano salito all’1,1%. Calmo l’oro (-0,4%) a 1.781 dollari l’oncia.
    L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, cede quasi lo 0,5%, sotto il peso soprattutto di informatica, Beni voluttuari e industria. Male le auto, a cominciare da Volkswagen (-3,3%) e Porsche (-2,9%). Pesanti le compagnie aeree, soprattutto Ryanair (-2%) e Deutsche Lufthansa (-2,6%). Forti i servizi di telecomunicazione, ancora spinti dallo sprint di Tim (+15%), a guardare Vodafone (+1,2%), Tele2 (+1,8%), Telefonica (+0,3%) e Orange (+0,07%), per cui però s’inserisce la condanna dell’ad in appello nel controverso arbitrato del 2008 tra Bernard Tapie e il Crédit Lyonnais. Meno bene Deutsche Telekom (-0,8%) e soprattutto Inwit (-2,6%). In ordine sparso le banche, con guadagni, come quelli di Unicredit (+2,2%9 e Kbc (+0,9%), e perdite, come quelle di Virgin Money (-2,7%) e Standard Chartered (-0,7%). Direzioni diverse tra loro per i petroliferi, con rialzi per una parte, da Bp (+1,4%) a Omv (+1,3%), e ribassi per un’altra, da Neste (-2,7%) a Koninklijke (-1,3%), mentre il greggio cede qualcosa (wti -0,2%) a 78.3 dollari al barile e il brent a 82,1 dollari. In rialzo il prezzo del gas naturale in Europa. quotato ad Amsterdam (+1,8%) a 92,59 euro al MWh.
    (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source