Borsa: l’Europa tiene con Wall Street aperta in calo

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 04 OTT – Sono positive, tranne Francoforte, che è piatta (-0,04%) le principali Borse europee, dopo l’apertura in calo di Wall Street e il Dow Jones in ripresa dopo pochi minuti, mentre gli ordini di beni durevoli negli Usa ad agosto risultano in crescita, come atteso dagli analisti. L’Opec plus intanto ha dato il via libera al piano di aumento di 400.000 barili al giorno anche per novembre e il greggio accelera (wti +2,6%) a 77,85 dollari al barile e il brent a 81,4 dollari. Tra le altre Piazze europee, con l’indice Sentix sulla fiducia degli investitori dell’Eurozona che in mattinata ha visto segnare una battuta d’arresto per ottobre, le migliori sono Madrid e Londra (+0,4%), seguite da Parigi e Milano (+0,1%), dove lo spread è in lieve rialzo a 104,8 punti, col rendimento del decennale italiano salito allo 0,84%.
    L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna quasi lo 0,3%, trainato soprattutto dall’energia. Sono i petroliferi a correre, da Aker (+4%%) a Repsol (+3,5%). Nel metallurgico bene l’alluminio, con Norsk Hydro (+3,5%). In forma le utility, in particolare Rwe (+1,9%) e Veolia (+1,4%), col comparto sotto osservazione per i recenti aumenti delle tariffe.
    Molte le banche in positivo, da Commerzbank (+2,6%) a Abn Amro (+2,4%), ma con una serie di casi in rosso, come Nordea (-5,9%), Ing (-2,3%) e Virgin (-1%). Nell’industria bene le compagnie aeree, in particolare Ryanair (+23,6%), non il trasporto marittimo, a guardare ad esempio Kuehne (-4,4%) e a Ap Moller (-3,5%). In ordine sparso le auto, con qualche guadagno, come per Stellantis (+0,5%) e Renault (+0,6%), dopo i cali seguiti ai dati delle immatricolazioni di settembre in Italia e in Spagna, e qualche perdita, come ad esempio per Volkswagen (-0,8%). Nel lusso andamenti alterni: bene Moncler (+2%) e Richemont (+0,6%), non Adidas (-1,9%). In rosso gli immobiliari. In deciso calo la società discografica Universal (-2,2%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source