Borsa: Milano (+1,3%) stacca Europa dopo l’avvio Wall Street

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 06 AGO – Piazza Affari prosegue nella sua corsa e si dimostra di gran lunga la Borsa meglio intonata del Vecchio continente. Dopo i dati macroeconomici dagli Stati Uniti, in particolare i posti di lavoro creati a luglio e il tasso di disoccupazione entrambi oltre le attese, e l’avvio di Wall Street, l’indice Ftse Mib sale dell’1,3%, seguito da lontano dai listini di Parigi e Madrid che crescono di circa mezzo punto percentuale, con Francoforte in rialzo dello 0,3%, Londra in aumento dello 0,1% e Amsterdam che oscilla sulla parità.
    Con lo spread tra Btp e Bund sostanzialmente stabile attorno a quota 103 punti base, sono le banche a concentrare la corrente di acquisti, grazie soprattutto all’onda lunga delle trimestrali più che alle ipotesi di aggregazione nel settore. Il titolo migliore è Bper che cresce dell’8% a 1,77 euro, con il Banco Bpm (passato anche per l’asta di liquidità) in aumento del 6,5%.
    Positive inoltre Unicredit e Carige (+2%), Intesa (+1,9%), con Mps che si è portata in rialzo (+0,34%). Forse anche Unipol che cresce del 3,6% sulla scia della semestrale I conti hanno fatto bene anche a Pirelli (+5%) mentre Stellantis che conferma il suo stato di salute in aumento del 2,9%. Qualche vendita su Nexi (-0,5%) anche se il gruppo più debole tra quelli a elevata capitalizzazione è Diasorin in ribasso dell’1,3%.
    (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source