Borsa: Milano brillante (+1,4%), corrono Banco e Unicredit

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 05 OTT – Piazza Affari si conferma brillante (Ftse Mib +1,4% a 25.818 punti) al traguardo di metà seduta, distanziando le altre piazze europee all’indomani della tornata elettorale per le amministrative in 5 metropoli italiane. Un primato dovuto non tanto allo spread, che si mantiene 2 punti sopra quota 103, con il rendimento in calo dei 1,3 punti allo 0,815%, quanto invece alla corsa dei bancari Banco Bpm (+3,86%), indicato come possibile polo aggregatore per un’eventuale integrazione, e Unicredit (+3,46%), che sta trattando in esclusiva l’acquisizione di parte di Mps (+2,9%).
    Seguono Intesa (+3%), che le aggregazioni le ha già fatte, e Bper (+3%). In luce Generali (+1,8%), Amplifon (+1,63%) ed Stm (+1,44%), sulla scia delle previsioni per il 2022 della rivale Infineon (+3,62% a Francoforte).
    Acquisti anche su Stellantis (+1,46%), tra scambi fiume per 3,9 milioni di titoli passati di mano. La seguono Fineco (+1,44%), Mediobanca (+1,35%), Nexi (+1,3%), Unipol (+1,3%) ed Eni (+1,19%), favorita dal greggio (+1,17% a 78,53 dollari al barile) a differenza di Pirelli (-0,34%). Segno meno anche per Snam (-0,25%) e Tim (-0,23%). Tra i titoli a minor capitalizzazione in evidenza la Roma (+11,44%) per il rialzo e Ovs (-9,06%) per lo scivolone. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source