Borsa: Milano chiude con realizzi (-0,37%), giù Nexi ed Eni

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 29 DIC – Si è interrotta nella penultima seduta dell’anno la progressione positiva di Piazza Affari.
    L’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,37% a 27.344 punti, riportando il rialzo dallo scorso 4 gennaio sotto la soglia del 23% (+22,84% per l’esattezza), tra scambi per 1,3 miliardi di euro di controvalore, in ulteriore calo rispetto al già debole dato della vigilia. In lieve progresso a 134,3 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento annuo dei titoli decennali in crescita di 5,9 punti base all’1,151%.
    All’euforia della vigilia si sono sostituite oggi le prese di beneficio, con molti operatori desiderosi di chiudere le loro posizioni prima che la situazione possa degenerare con il crescere dei contagi. A questo si è aggiunto il calo del greggio per quasi l’intera seduta, salvo l’inversione di rotta finale dopo le scorte Usa, che non ha favorito titoli pesanti come Eni (-1%) e Saipem (-0,64%). Ma la peggiore è stata Nexi (-1,31%), la cui fusione con Sia sarà attiva dal prossimo 1 gennaio. Segno meno anche per Exor (-0,96%), Atlantia e Stellantis (-0,9% entrambe), Leonardo (-0,88%), Ferrari (-0,79%) e Unipol (-0,69%). Ha perso meno rispetto agli altri titoli del settore Stm (-0,48%).
    Pochi i rialzi sul paniere dei grandi titoli, da Bper (+0,77%), fresca di accordo sindacale e di rialzo della prospettiva da ‘stabile’ a ‘positiva’ da parte di Moody’s, in caso di fusione con Carige (invariata). Bene Amplifon (+0,66%), Campari (+0,63%) Italgas e Moncler (+0,53% entrambe) e Recordati (+0,32%). Deboli Unicredit (-0,3%), Intesa (-0,29%) e Tim (-0,28%). Poco variata Banco Bpm (-0,04%), contrastate Mps (-0,49%) e Bps (+1,51%) dopo il via libera dei soci di quest’ultima alla trasformazione in società per azioni. Tra i titoli a minor capitalizzazione sprint di Beghelli (+20,64%) e Caleffi (+4,58%), deboli Fidia (-3,31%) e Gabetti (-2,93%).
    (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source