Borsa: Milano chiude debole (-0,68%), giù Amplifon, Saipem e Tim

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 16 NOV – Ha chiuso in calo Piazza Affari, in linea con le altre borse europee. Sui listini hanno pesato meno del previsto i timori dopo il caso dei frammenti di missile caduti in territorio polacco, mentre l’inflazione ha continuato a mordere soprattutto nel Regno Unito (+11,1%). E’ salita invece meno del previsto in Italia (+11,8%). L’indice Ftse Mib ha lasciato sul campo lo 0,68% a 24.531 punti, tra scambi per oltre 2 miliardi di euro di controvalore, superiori agli 1,8 di lunedì scorso.
    Ha prevalso il segno meno sul paniere dei titoli principali, con forti perdite per Amplifon (-3,74%), Saipem (-2,84%) e Tim (-2,75%), dopo il taglio del rating di Fitch a Bb- con prospettiva (outlook) ‘negativa’. Pesanti anche Stm (-2,62%), in linea con i rivali europei, Inwit (-2,2%), Diasorin (-2,17%), Interpump (-1,999%) e Nexi (-1,84%), sull’onda lunga dell’addio di Intesa Sanpaolo (+0,02%). Il calo del differenziale tra Btp italiani e Bund decennali tedeschi a 192,5 punti, con il rendimento annuo sceso sotto il 4% ha favorito Banco Bpm (+1,39%), più cauta Bper (+0,32%), debole invece Unicredit (-0,49%), pesante Mps (-2,88%). Pochi i rialzi, limitati a Leonardo (+2,17%), Hera (+1,54%), Campari (+0,76%) e A2a (+0,62%). Bene anche Enel (+0,57%) a differenza di Eni (-0,821%), frenata dal calo del greggio (Wti -2,23% a 84,99 dollari al barile). Sprint di LuVe (+5,88%) tra i titoli a minor capitalizzazione, pesanti invece Seco (-8,222%) e Algowatt (-6,44%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source