Borsa: Milano chiude debole, controcorrente Atlantia

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 07 APR – Seduta all’insegna della debolezza per la Borsa di Milano (Ftse Mib -0,59% a 24.302 punti) così per gli altri listini, dopo una prima parte di seduta positiva.
    Ad alimentare le incertezze, da una parte, le minute della Fed e, dall’altra, quelle della Bce con entrambe che devono i fari conti, da punti di vista diversi, con la guerra in corso in Ucraina.
    Tra i titoli sotto vendita Prysmian (-3,3%), Pirelli (-2,84%), Generali (-3,1%). Corsa a parte per Atlantia (+6,87%) dopo l’offerta preliminare fatta dal gruppo spagnolo Acs con i suoi alleati Gip e Brookfield Infrastructure mentre la famiglia Benetton ha confermato i colloqui con Blackstone. Buon passo poi di Tim (+2,1%). A scambi chiusi il gruppo ha comunicato di “non ritenere opportuno, in questa fase, di dare seguito alla due diligence” da parte di Kkr. Tra gli altri, slanci di Hera (+3,38%), A2a (+2,88%). Bene poi Terna (+1,4%) che ha toccato il massimo storico a 8 euro. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source