Borsa: Milano chiude in calo con Europa, pesa l’energia

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 18 NOV – La Borsa di Milano (-0,59%) chiude in calo, in linea con gli altri listini europei. Su Piazza Affari pesano l’energia, con il petrolio sui minimi degli ultimi sei mesi a New York. Vendite su Tenaris (-2,8%), Eni (-1,3%) e Saipem (-1%). In lieve calo lo spread tra Btp e Bund che scende a 119 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,918%.
    Seduta in calo anche per le banche. Scivolano Bper (-2,5%) e Mps (-2,1%), quest’ultima con le notizie sul tema dell’aumento di capitale. Male anche Banco Bpm (-1,2%), Unicredit (-1,%) e Intesa (-0,6%). Piatta Carige (+0,03%). In terreno positivo Mediobanca (+0,1%), nel giorno delle indiscrezioni di stampa su Del Vecchio che vorrebbe rafforzarsi ulteriormente nel capitale di Piazzetta Cuccia e Delfin che non commenta.
    In flessione Generali (-0,8%), in linea con il settore assicurativo europeo e mentre il gruppo De Agostini, che detiene l’1,44% del Leone, si prepara a scendere. Nel listino principale in rosso anche Recordati (-1,9%) e Tim (-1,3%). Le vicende legate ai costi dell’energia spingono in ordine sparso le utility. Si mettono in mostra Hera (+1,6%), Italgas (+0,9%) e Iren (+0,4%) mentre sono in calo A2a (-0,7%) e Enel (-0,3%).
    Poco mossa Snam (+0,06%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source