Borsa: Milano chiude in lieve rialzo, giù la Juventus e Tim

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 29 NOV – La Borsa di Milano (+0,1%) chiude in lieve rialzo, con gli altri listini europei che si mostrano fiacchi in vista di indicazioni sull’economica americana e delle prossime mosse della Fed sul fronte della politica monetaria. In flessione i rendimenti dei titoli di Stato con lo spread tra Btp e Bund che scende a 189 punti e il tasso del decennale italiano al 3,81%.
    Seduta in tensione per la Juventus con un avvio in forte calo per poi concludere a -0,9%, dopo il cambio al vertice e le contestazioni della Consob sui conti. Ad Amsterdam la controllante Exor, holding della famiglia Agnelli, ha concluso la seduta debole, con un calo dello 0,3% a 74,28 euro. A Piazza Affari scivola Amplifon (-3,2%). Fari puntati sul Tim (-2,3%), mentre il governo lavora per trovare una strada da percorrere sulla Rete unica.
    Tonico il comparto dell’energia con il prezzo del petrolio in rialzo. Sugli scudi Saipem (+4,2%), bene anche Eni (+1,2%) e Tenaris (+2,9%). Corre Erg (+1,9%), nel giorno del debutto sul Ftse Mib. Il rialzo del prezzo del spinge le utility dove Enel guadagna lo 0,7%, A2a lo 0,6% e Hera lo 0,5%. Bene anche le banche con Mps (+4,4%), Intesa (+0,9%), Banco Bpm (+0,6%), Bper (+0,4%), mentre è in controtendenza Unicredit (-1%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source