Borsa: Milano chiude piatta, pesano le utility

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 23 NOV – La Borsa di Milano (-0,04%) chiude piatta, in controtendenza rispetto agli altri listini europei che concludono la seduta in rialzo ma senza particolare slancio.
    Su Piazza Affari pesano le utility con l’aumento del prezzo del gas e con il settore che dovrà fare i conti con le due misure sulla tassazione degli extraprofitti. Lo spread tra Btp e Bund chiude in calo a 187 punti, con il rendimento del decennale italiano al 3,79%.
    Andamento negativo per A2a (-1,9%), nel giorno della presentazione dell’aggiornamento del piano industriale, Acea (-1,3%), Enel e Hera (-0,9%), mentre sono piatte Iren e Italgas.
    In ordine sparso l’energia dove scende Tenaris (-2,2%) mentre sono in rialzo Saipem (+4,9%) e Eni (+0,5%). Seduta in calo per Tim (-1,2%), alle prese con le vicende della Rete Unica.
    Contrastate le banche con Unicredit (-1,6%) e Intesa (-0,7%) mentre salgono Banco Bpm (+0,7%), Bper (+1,1%) e Mps (+2,7%).
    Luci e ombre anche per il comparto dell’automotive. Si mette in mostra Cnh (+3,2%), bene Iveco (+0,5%) mentre sono in calo Stellantis (-1,5%) e Pirelli (-1%).
    In luce il settore tecnologico, in linea con l’andamento del comparto europeo, dove avanzano Prysmian (+2,3%) e Stm (+1,1%).
    Ancora una seduta positiva per Amplifon (+1,9%) e Campari (+0,8%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source