Borsa: Milano corre con banche e Pirelli, debole Diasorin

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 06 AGO – Ultima seduta della settimana di acquisti convinti per Piazza Affari, ampiamente la migliore Borsa in Europa grazie alla forza del settore bancario: l’indice Ftse Mib ha chiuso in crescita dell’1,30% a 26.000 punti, l’Ftse All share in rialzo dell’1,11% a quota 28.515.
    Un andamento nettamente più ottimista degli altri mercati azionari del Vecchio continente che si sono mossi senza una direzione precisa, con Parigi e Madrid in aumento di circa mezzo punto percentuale, Londra e Francoforte piatte, mentre Amsterdam e Zurigo hanno segnato marginali limature.
    Con lo Spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni in ribasso a 102 punti base è stato più facile per il listino milanese premiare il settore del credito, ma lo sprint è stato notevole soprattutto per l’onda lunga delle trimestrali e le ipotesi di aggregazione nel comparto. Il titolo migliore è stato Bper, cresciuto del 10,6% a 1,8 euro, con il Banco Bpm (passato anche per l’asta di liquidità) in aumento finale del 7,3%. Nel settore, positive Unicredit (+2,4%), Intesa (+2,2%) e Carige (+1,2%), con Unipol crescita del 2,8% sulla scia della semestrale e Mps in rialzo dello 0,3%.
    Tra gli altri titoli, i conti hanno fatto molto bene anche a Pirelli, salita del 7,2% a quota 5,45 euro. Qualche vendita su Nexi (-0,8%) anche se i gruppi più deboli tra quelli a elevata capitalizzazione sono stati Amplifon e Diasorin, in ribasso rispettivamente dell’1,1% e dell’1,6%.
    Nel paniere ‘minore’ leggermente positiva Dea Capital (+0,7%) dopo l’acquisto di una quota di minoranza di Nova Re, che invece ha corso del 30% a 4,84 euro. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source