Borsa: Milano frena (-1%), pesa stacco cedole, giù Saipem

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 21 NOV – Prosegue in calo la seduta di Piazza Affari, in coda rispetto alle consorelle europee, nel giorno dello stacco di alcuni gruppi rilevanti. L’indice Ftse Mib lascia sul campo l’1.07% a 24.412 punti, decurtato dal dividendo di Eni (-2,43%), Intesa Sanpaolo (-2,91%), Mediobanca (-7,56%), Mediolanum (-3,31%), Recordati (-1,39%), Poste (-3,19%), Terna (-1,37%) e Tenaris (-0,98%).
    Pesa Saipem (-3,85%), congelata anche al ribasso, per il duplice effetto del calo del greggio, che si mantiene sotto gli 80 dollari al barile negli Usa (Wti -0,69% a 79,53 dollari), per l’effetto del Covid in Cina, che penalizza anche il comparto del lusso, con Moncler (-3,09%). Segno meno anche per Tim (-2,77%) in attesa di lumi sulla rete unica mentre resistono le banche, a partire da Banco Bpm (+1,29%), con il differenziale tra Btp e Bund decennali tedeschi che si mantiene sotto quota 192 punti, ma con il rendimento anno italiano sotto il 4%. Bene Leonardo (+0,41%) e Revo Insurance (+1,24%), nel giorno del debutto sul segmento Star. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source