Borsa: Milano guadagna con banche e utility, bene Poste

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 27 GEN – Nuova chiusura in rialzo per Piazza Affari (+0,9%), nella penultima seduta di settimana, che coincide con la quarta fumata nera per le elezioni del Quirinale. A Milano sono andate bene le banche, con lo spread ha terminato la giornata a 134,5 punti, in calo rispetto ai 140,3 punti del giorno precedente, quando era arrivato sui livelli di settembre 2020, e con il rendimento del decennale italiano sceso all’1,284%. In rialzo Bper (+2,3%), Intesa (+1,8%) e Unicredit (+0,8%) col nuovo piano. In controtendenza la paytech Nexi (-0,6%). In forma le utility, iniziando da A2a (+3,6%), per proseguire con Hera (+2,2%) e Enel (+2%). Guadagni per Eni (+2,4%) e per l’impiantistica di Tenaris (+2,8%), nel giorno in cui quest’ultima con Saipem (-0,1%) e Siad ha sottoscritto un protocollo d’intesa per avviare la progettazione di un impianto di cattura e utilizzo di anidride carbonica (Ccu), da realizzare nello stabilimento di Tenaris a Dalmine (Bergamo). In calo il greggio a sera (wti -0,7%) a 86,7 dollari al barile e il brent a 89,3 dollari.
    Bene Poste (+2,2%), Generali (+1,2%) e Leonardo (+0,9%).
    Nell’industria male invece Prysmian (-2,3%), Buzzi (-1,7%) e Interpump (-1,5%). Tra le auto su Stellantis (+0,7%), non Ferrari (-1,5%). Ha ceduto qualcosa Tim (-0,3%), così come Atlantia (-0,2%). Tra i titoli a minore capitalizzazione rally di Eprice (+15%) e corsa di De’ Longhi (+9,2%). Nel lusso tonfo di Cucinelli (-3,5%), mentre hanno guadagnato con i conti Aeffe (+0,2%) e Ferragamo (+0,7%), che li ha resi noti a Borse chiuse.
    (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source