Borsa: Milano ko con Bce, male Fineco e Amplifon, Juve +7%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 15 DIC – Seduta da dimenticare per Piazza Affari che sconta, al pari delle altre Borse europee, una Bce che continua a mostrare i muscoli nella lotta all’inflazione, nonostante i segnali di frenata nella corsa dei prezzi. Sul listino principale, maglia nera in Europa con un calo del 3,45%, sono crollate Fineco (-6,3%) ed Amplifon (-5,5%), seguite da Nexi (-5,2%), Poste (-5,2%), Hera (-5%) e Stm (-5%), tutte scese di circa cinque punti percentuali. I tonfi non hanno risparmiato big del calibro di Generali (-4,7%), Intesa (-4,5%) ed Eni (-4,1%), come pure molto male sono andate Snam (-4,4%), Banca Generali (-4,2%) e Moncler (-4,1%). Nel Ftse Mib si è salvata dalla sferzate degli investitori solo Leonardo (invariata) mentre Saipem ha contenuto la flessione allo 0,6%, grazie a nuovi contratti per 1,2 miliardi di dollari. Tim ha ceduto il 2,4% nel giorno in cui il governo ha sentito gli azionisti e il cda ha cooptato Massimo Sarmi. Fuori dal listino principale è volata la Juve (+7,2%) spinta dai rumor su un possibile delisting da parte di Exor. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source