Borsa: Milano maglia nera con Moncler e Stm, corre Tim

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 08 DIC – Piazza Affari torna sotto quota 27 mila punti dopo un rally di due giorni innescato dall’allentarsi dei timori sugli impatti che Omicron potrebbe avere sull’economia. Gli investitori hanno dunque preferito monetizzare i rialzi, nonostante Pfizer abbia rassicurato sull’efficacia del suo vaccino contro la variante e ne abbia promesso uno aggiornato già a marzo.
    Il Ftse Mib ha chiuso in calo dell’1,42% a 26.751 punti, maglia nera in Europa, appesantito dalle vendite su Moncler (-3,1%), Stm (-2,9%), in una seduta negativa per tutto il comparto dei microchip in Europa, Amplifon (-2,6%), Prysmian (-2,5%), Recordati (-2,4%), Campari (-2,1%) ed Unipol (-2%).
    Deboli anche i bancari con Banco Bpm (-1,9%) e Bper (-1,7%) mentre Unicredit ha chiuso in calo dell’1,3% alla vigilia del piano industriale. Sotto pressione le utilities e i titoli dell’energia, con Enel (-1,6%), Snam (-1,5%), A2A (-1,5%) ed Eni (-1,4%). In controtendenza Tim (+1.3%), all’indomani della riorganizzazione che ha visto uscire alcuni uomini vicini all’ex ad Gubitosi e salire Stefano Siragusa, nominato vice del dg Pietro Labriola. Bene anche Atlantia (+1,1%) e Pirelli (+0,4%).
    Fuori dal Ftse Mib balzo di Autogrill (+4,6%), che beneficia del quadro più rassicurante che sta emergendo su Omicron. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source