Borsa: Milano scivola (-2,7%), pesa Unicredit, bene Leonardo

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 28 FEB – Piazza Affari si conferma in forte calo al traguardo di metà seduta nel 5/o giorno di guerra tra Russia e Ucraina e le sanzioni applicate a Mosca. L’indice Ftse Mib cede il 2,7% a 25.075 punti, mantenendosi lievemente sopra ai minimi della mattinata, mentre il differenziale tra Btp e Bund decennali tedeschi è stabile a 160,2 punti, con il rendimento annuo in calo di 4,8 punti base all’1,798%. Sotto pressione Unicredit (-10,72%), che sconta l’esposizione in Russia al pari di Pirelli (-8,09%). Scivolano anche Intesa (-6,52%), Buzzi (-5,23%), Stellantis (-5,91%), Bper (-4,28%) e Banco Bpm (-3,84%).
    L’annuncio della presidente dell’Ue Ursula von der Leyen sull’invio di armi in Ucraina ed il finanziamento al Paese per acquistarle spinge Leonardo (+17,21%) e Fincantieri (+19,2%).
    Bene anche Diasorin (+4,05%), Tenaris (+3,95%), Inwit (+3,26), Saipem (+2,12%) e Amplifon (+1,36%). Il rialzo del greggio (Wti +4,78% a 95,97 dollari al barile) e del Brent (+4,9% a 98,73 dollari al barile) non sostiene Eni (-0,8%). Poco mosse Snam (-0,2%) e Italgas (-0,52%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source