Borsa: Milano solida con banche, ma scivola ancora Carige

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 04 AGO – Piazza Affari tiene in una giornata segnata dalla chiara debolezza del prezzo del petrolio, che ha ceduto fino a punte di quasi il 4%: l’indice Ftse Mib ha chiuso in aumento dello 0,53% a 25.490 punti, l’Ftse All share in rialzo dello 0,50% a quota 28.017.
    Milano si è mossa sulla stessa linea dei mercati azionari del Vecchio continente, con Londra che ha concluso in crescita dello 0,26%, Parigi in rialzo finale dello 0,33% e Francoforte positiva dello 0,88%. Seduta poco mossa anche per lo spread tra Btp e Bund, con una chiusura a 105 punti e un rendimento del prodotto del Tesoro allo 0,55%, ai minimi da metà febbraio.
    Un segnale quello dei titoli di Stato, oltre alle trimestrali del settore, che ha aiutato le banche: Fineco è stato il gruppo migliore tra quelli a elevata capitalizzazione di Piazza Affari con un aumento finale del 3,2% a 15,4 euro, seguito da Banco Bpm in crescita del 2,2%. Acquisti anche su Mediobanca (+1,1%) e Monte dei Paschi (+1%) con Unicredit in rialzo dello 0,2%.
    Chiusura positiva per Intesa Sanpaolo dopo i conti: il titolo ha segnato un aumento finale dello 0,5% a quota 2,34 euro. Unica eccezione Carige, che ha accusato un altro scivolone: il titolo della banca ligure, nella giornata dell’annuncio della vendita delle sue quote di Bankitalia, ha accusato un calo del 6,7% sotto quota un euro.
    Negli altri settori, prosegue la corsa di Stellantis in aumento finale del 2,2% a 17,4 euro, con Ferrari positiva dell’1,5%.
    Bene anche i farmaceutici (Diasorin +2,1%, Recordati +1,3%).
    Qualche vendita invece su Atlantia dopo i conti (-1,1%), su Tenaris (-1,3%) e su Buzzi, che ha ceduto un punto percentuale e mezzo. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source