Borsa: Milano tiene dopo Powell, bene Stm, debole Leonardo

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 14 LUG – L’attesa per il discorso del presidente della Fed Jerome Powell al Congresso Usa era molta, ma sui mercati finanziari ha prodotto effetti molto limitati: a Milano l’indice Ftse Mib ha chiuso in crescita dello 0,15% a 25.194 punti, l’Ftse All share in aumento dello 0,20% a quota 27.672. Sulla stessa linea Amsterdam in aumento finale dello 0,28%, mentre Francoforte e Parigi hanno concluso invariati rispetto alla vigilia e Londra in calo dello 0,46%.
    La prima reazione era stata positiva a Powell che ha confermato come, nonostante i progressi dell’economia, sia ancora presto per la banca centrale Usa per ritirare gli stimoli messi in campo da tempo. Poi però il clima è lievemente cambiato, complice anche il progressivo indebolimento del prezzo del petrolio. Risultato: anche il mercato dei titoli di Stato ha frenato, con lo spread tra Btp e Bund a 10 anni in leggero aumento finale a 103 punti base rispetto ai 101 dell’avvio. E il rendimento del prodotto del Tesoro ha concluso allo 0,711%, dopo essere sceso in corso di giornata sotto la quota psicologica dello 0,7%.
    In questo contesto, in Piazza Affari tra i titoli principali il migliore è stato Stm, cresciuto del 2,4% a 33,2 euro, con Amplifon e Saipem entrambi in rialzo finale del 2,1%. Bene anche Tenaris (+1,7%), seguito da Buzzi in aumento dell’1,2% e Moncler in crescita dell’1,1%. Qualche vendita invece su Mps (-0,8%), Fineco (-1,2%), Banco Bpm (-1,5%) e Leonardo, sceso dell’1,7% finale a 6,4 euro. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source