Borsa: tregua nella crisi Ucraina spinge l’Asia, Tokyo +2,2%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 16 FEB – Prosegue in Asia il rimbalzo delle Borse mondiali che assistono con sollievo all’attenuarsi delle tensioni in Ucraina, dai cui confini la Russia ha annunciato di aver ritirato migliaia di truppe rendendo, almeno per il momento, meno probabile l’ipotesi di un conflitto.
    Tokyo è salita del 2,2%, Seul del 2%, Sydney dell’1,1%, i listini cinesi di Shanghai e Shenzhen dello 0,6% mentre Hong Kong, ancora aperta, avanza dell’1,2%. Il petrolio texano sale dello 0,5% a 92,53 dollari al barile mentre il Brent dello 0,4% a 93,66 dollari. Poco mosso a 1.854 dollari l’oncia l’oro, bene rifugio per eccellenza, dopo il forte calo seguito all’apertura di spazi diplomatici per Kiev.
    Gli investitori restano comunque all’erta, in attesa di capire come evolverà la crisi Ucraina e quali saranno le prossime mosse del presidente russo Vladimir Putin, in un clima reso complesso dalla corsa dei prezzi che sta costringendo le banche centrali ad avviare politiche monetarie restrittive. In mattinata l’inflazione in Gran Bretagna è salita del 5,5% a gennaio, il massimo degli ultimi trent’anni.
    Grande attenzione, in serata, ci sarà sulle minute della Fed per capire tempistiche e intensità dell’aumento dei tassi e della riduzione degli acquisti di bond. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source