Cade l’ultima popolare, la Sondrio si trasforma in spa

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 29 DIC – L’assemblea della Banca Popolare di Sondrio ha approvato la trasformazione in spa con 2517 voti favorevoli, 38 contrari, 39 astenuti e 16 voti non computati.
    L’istituto valtellinese è l’ultima cooperativa a mettersi in regola, dopo non poche resistenze, con la riforma approvata dal governo Renzi nel 2015, che impone alle popolari con attivi superiori agli 8 miliardi di euro di diventare società per azioni. E anche nella nota in cui ha annunciato l’esito del voto assembleare non ha mancato di sottolineare come l’addio alla forma cooperativa sia stato “una scelta obbligata”.
    “Forti dei nostri solidi valori fondativi, guardiamo al futuro con fiducia, impegnandoci fortemente per continuare a svolgere con efficacia la nostra attività, a beneficio della clientela e di tutti gli stakeholders”, ha dichiarato il presidente Francesco Venosta. “Per noi e per tutti coloro che hanno fin qui sostenuto la banca – ha proseguito – è motivo di orgoglio esserci presentati all’appuntamento odierno potendo vantare una lunga storia di crescita organica equilibrata e profittevole, che ha contribuito allo sviluppo dei territori nei quali ci siamo nel corso del tempo insediati, coprotagonisti della crescita sociale ed economica delle comunità di appartenenza”. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source