Coronavirus: chiuse discoteche e mascherine dopo le ore 18

Economia

A seguito della crescita di nuovi contagi da coronavirus anche in Italia il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza che prevede dal 17 agosto la sospensione delle attività del ballo, all’aperto e al chiuso, che abbiano luogo in discoteche e in ogni altro spazio aperto al pubblico e  l’obbligo di mascherina anche all’aperto dalle ore 18 alle 6 nei luoghi dove c’è rischio di assembramento.

Secondo il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, nella settimana tra il 5–11 agosto si è registrato un incremento del 46% dei nuovi casi (2.818 vs 1.931) rispetto alla settimana precedente a fronte di una consistente diminuzione dei tamponi diagnostici (174.671 vs 187.316). Relativamente ai dati ospedalieri in aumento (801 vs 761) i pazienti ricoverati con sintomi e anche quelli in terapia intensiva (49 vs 41).

“I numeri del contagio in Italia, anche se tra i più bassi in Europa, sono in crescita. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati. La nostra priorità deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza.”ha detto il ministro.

Di seguito il testo del nuovo provvedimento:

a) è fatto obbligo dalle ore 18.00 alle ore 06.00 sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie, lungomari) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale;

b) sono sospese, all’aperto o al chiuso, le attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati destinati all’intrattenimento o che si svolgono in lidi, stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, spiagge libere, spazi comuni delle strutture ricettive o in altri luoghi aperti al pubblico.

Le regioni possono introdurre ulteriori misure solo in termini più restrittivi rispetto a quelle di cui ai punti a) e b).



Go to Source

Commenti l'articolo