Crescono ricavi e redditività di illycaffè nel primo semestre

Pubblicità
Pubblicità

Il cda di illycaffè ha approvato il resoconto intermedio di gestione relativo al primo semestre del 2023 che chiude con un incremento del fatturato del 5% rispetto allo stesso periodo del 2022, con un risultato particolarmente positivo negli Stati Uniti (+16%) dove crescono in tutti i principali canali distributivi e nonostante un impatto sfavorevole nel cambio.
    In particolare, il canale Ho.Re.Ca. negli Stati Uniti ha registrato un tasso di crescita del 27%, sostenuto da un tasso di acquisizione di nuovi clienti a doppia cifra e da un trend di costante incremento dei consumi medi per cliente. Il canale degli e-tailers ha registrato +20% principalmente trainata da Amazon. Dunque, la redditività del Gruppo è in aumento del 21%, grazie a una crescita organica in tutti i principali mercati e ad una maggiore efficienza operativa.
    Soddisfazione è stata espressa da Cristina Scocchia, a.d. di illycaffè, per la quale “la crescita in tutti i principali mercati, in particolare negli Stati Uniti e nei paesi chiave della zona Euro, dimostra l’efficacia delle strategie declinate nel piano industriale”. L’aumento dell’out-of-home (+16%) conferma, inoltre, “la nostra posizione di leadership nel segmento super-premium”.
    Scocchia ha annunciato che, avendo “deciso di accelerare in Cina”, è stato appena finalizzato un accordo di distribuzione esclusiva per tre anni con il gruppo Hangzhou Onechance Tech (Chancemate), quotato alla Borsa di Shenzen con una capitalizzazione di oltre 800 milioni di euro. “Se consideriamo il mercato Usa come la più grande opportunità di crescita, ed esso è il secondo mercato per la illy e il primo per il mercato globale, la più grande scommessa è invece il mercato cinese, che è piccolo perché i cinesi sono abituati a bere te. L’obiettivo è partire dal risultato che raggiungeremo da soli quest’anno per poi triplicare il fatturato grazie alla partnership.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source