3ebef5627123607bd5583ea6f7e85a0d

Creval, filiali più inclusive anche per le persone autistiche

Economia
Pubblicità
Pubblicità

3ebef5627123607bd5583ea6f7e85a0d

(ANSA) – MILANO, 03 MAG – Rendere le filiali della banca più accoglienti e accessibili creando, da un lato, un ambiente idoneo anche negli spazi e, dall’altro, garantendo opportunità di inclusione e di autonomia, in chiave prospettica anche di anziani, autistici, persone con disabilità o situazioni di difficoltà. Con questo obiettivo, Creval ha realizzato il progetto ‘Creval Inisieme’, partendo dalla filiale di Milano San Fedele.
    “Nei mesi scorsi siamo entrati in contatto con associazioni di persone autistiche con cui abbiamo approfondito il tema del loro rapporto con le banche e compreso come fosse importante dare il nostro contributo. Nasce così Creval INSIEME che ha l’obiettivo primario di rendere più agevole l’esperienza in agenzia da parte di clienti autistici o con difficoltà psico-motorie”, spiega Federico Ascari, responsabile Area Corporate Identity, Communications, Marketing e Sustainability di Creval. “Crediamo nella sostenibilità sociale e ambientale – aggiunge – e siamo impegnati nella realizzazione di iniziative che ne tengano conto in ogni ambito di azione, in particolare dal punto di vista personale e umano”. Il progetto, che coinvolgerà diverse filiali, si è strutturato su due direttrici: la formazione del personale, attraverso un ciclo di incontri direttamente guidati da persone autistiche; e una riqualificazione degli spazi in filiale. “Rendere i servizi accessibili a tutte le tipologie di utenti abbattendo, non solo le barriere architettoniche, ma anche quelle relazionali, sensoriali e culturali significa favorire le autonomie, quindi riconoscere a tutti pari possibilità e dignità. Per questo consideriamo Creval INSIEME un progetto di civiltà”, ha commentato Alice Sodi, formatrice di ǝ-quality srls. (ANSA).
   



Go to Source