Da Thyssen-De Nora impianti elettrolisi in Arabia Saudita

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 14 DIC – La joint venture tra la multinazionale tedesca Thyssenkrupp e De Nora, società partecipata al 36,5% da Snam, si è aggiudicata la fornitura di impianti di elettrolisi per complessivi 2 GW per uno dei più grandi progetti di produzione di idrogeno verde al mondo, Neom in Arabia Saudita.
    De Nora, società specializzata nella produzione e fornitura di elettrodi per applicazioni elettrochimiche e tecnologie per il trattamento delle acque, detiene una partecipazione del 34% nella joint venture Tkuce (Uhde Chlorine Engineers).
    L’impianto sarà basato su moduli di elettrolisi alcalina di grande scala, da circa 20 MW. L’idrogeno prodotto potrà anche essere esportato. L’ingegneria e la fornitura hanno preso il via e l’avvio della produzione è atteso nel 2026. Snam in occasione della presentazione del suo piano strategico, a fine novembre, ha annunciato una possibile Ipo di De Nora nel 2022, oltre al supporto nella realizzazione di una gigafactory italiana di elettrolizzatori per l’idrogeno verde, per la quale è stata presentata una richiesta nell’ambito del programma europeo Ipcei. De Nora prevede di chiudere il 2021 con oltre 600 milioni di euro di ricavi, in crescita del 20% rispetto al 2020.
    “La lotta al cambiamento climatico è all’ordine del giorno, ed è responsabilità di ogni azienda contribuire, al meglio delle proprie capacità, con competenze e risorse”, commenta Paolo Dellachà, amministratore delegato di De Nora, “Neom è il posto giusto”. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source