Elezioni Usa restano un rebus, UBS consiglia di puntare sull’oro

Economia

Presidenziali Usa restano un rebus, UBS consiglia di puntare sull’oro

Troppe nubi si addensano sui mercati azionari. Meglio essere cauti. Per chi cerca una “copertura molto buona” in vista di eventi di rischio come le elezioni negli Stati Uniti, gli investitori dovrebbero scommettere sull’oro.

UBS consiglia di puntare sull’oro

Parola di Kelvin Tay, strategist di UBS Global Wealth Management, che in un’intervista alla Cnbc ha anticipato un rimbalzo del metallo prezioso fino a 2 mila dollari l’oncia entro fine anno.

“Ci piace l’oro, perché pensiamo che è probabile che l’oro raggiunga effettivamente circa $ 2.000 l’oncia entro la fine dell’anno”, secondo Kelvin Tay, responsabile regionale degli investimenti dell’azienda, martedì. “Di fronte all’ incertezza sulle elezioni statunitensi e la pandemia di Covid-19, l’oro è una copertura molto, molto buona. E la sua recente debolezza rappresenta un ottimo punto di ingresso per gli investitori “, ha aggiunto, parlando a” Squawk Box “della CNBC.

I prezzi dell’oro hanno raggiunto livelli record quest’anno e hanno superato i $ 2.000 l’oncia per la prima volta nella storia. Di recente, tuttavia, i prezzi sono nuovamente scesi e oggi scambiano intorno a $ 1.880.

Elezioni Usa restano un rebus

A proposito delle elezioni Usa, in un recente studio, gli esperti della banca svizzera hanno sottolineato come Biden appaia stabilmente in vantaggio ma, come si è visto 4 anni fa, i sondaggi possono sempre ingannare. Per questo gli investitori devono avere una visione di lungo termine ed evitare decisioni affrettate.

Ma torniamo all’oro. Il metallo prezioso è anche interessante a causa del contesto di bassi tassi di interesse, ha sottolineato Tay.

Titoli di stato cinesi

Se i tassi di interesse restano bassi come indicato dalla Fed, il costo opportunità di detenere oro – un asset non redditizio – sarà “piuttosto basso”, ha aggiunto. Questo perché gli investitori non rinunciano agli interessi che altrimenti sarebbero guadagnati nel rendimento delle attività.

Tay ha anche raccomandato agli investitori di investire un po ‘di soldi in titoli di stato cinesi poiché saranno inclusi nell‘indice dei titoli governativi mondiali FTSE Russell. L’inclusione, da ottobre 2021, dovrebbe portare miliardi di dollari di afflussi in Cina.

Tay ha sottolineato che i rendimenti dei titoli di stato cinesi, al 2,5%, sono superiori rispetto ad altre regioni, rispetto ai rendimenti statunitensi allo 0,6% e ai rendimenti europei a livelli ampiamente negativi.

“Si tratta di rendimenti davvero elevati per un governo di ottima qualità con bilanci molto solidi”, ha affermato.



Go to Source

Commenti l'articolo