Elica: delegazione sindacale ricevuta da prefetto Ancona

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ANCONA, 28 OTT – Presidio dei lavoratori Elica sotto la Prefettura di Ancona per sollecitare una nuova convocazione del tavolo istituzionale al Mise. Consegnato un documento al prefetto, Darco Pellos. “L’andamento dell’azienda è mutato ed oggi Elica un carico di lavoro importante e riesce a marginare come non era mai accaduto negli ultimi anni, di conseguenza le ragioni aziendali del piano annunciato 7 mesi fa, oggi vengono a mancare”, spiegano in una nota i sindacati Fiom, Fim, Uilm, riferendosi ai dati della trimestrale della multinazionale fabrianese, leader nel settore delle cappe aspiranti, con tutti indicatori positivi, la crescita del 29,6% del segmento Cooking, proprio quello interessato dal piano di riorganizzazione a base di esuberi, delocalizzazioni e chiusura di uno stabilimento. Con 22 milioni di euro, derivanti dalla vendita di azione della controllata in India alla Whirlpool, che – come dichiarato dall’azienda – sono pronti per essere investiti. Per il Coordinamento sindacale, dunque, gli esuberi ancora sul tavolo, oltre 200 rispetto ai 409 annunciati a fine marzo, possono essere ridotti ulteriormente. “È necessario quindi perseguire la concretezza richiamata dalla viceministra Alessandra Todde, che vogliamo raccogliere e rilanciare, chiedendo con forza l’azienda, come già fatto alla fine dell’incontro del 19 ottobre, di tornare al tavolo ministeriale, con del lavoro certo, aggiuntivo e qualificato per le fabbriche italiane, che dia credibilità e sostenibilità in prospettiva ad un progetto industriale da condividere e con un piano di investimenti che ne renda attuabile la costruzione e che restituisca la centralità al territorio di Fabriano nelle strategie della multinazionale: territorio e persone a cui Elica deve la sua fortuna ed il suo ruolo di leader mondiale nel mercato di riferimento”, conclude la nota del Coordinamento unitario del gruppo Elica. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source