Energia: Iea, picco domanda fossili a metà decennio,poi calo

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 27 OTT – Per la prima volta, le previsioni sulla domanda globale di combustibili fossili mostrano un picco alla metà degli anni Venti, per poi scendere costantemente negli anni successivi. La domanda di carbone comincerà a scendere a breve, quella di gas raggiungerà un livello fisso alla fine degli anni Venti, quella di petrolio scenderà dalla metà degli anni Trenta. Lo scrive l’Agenzia internazionale per l’energia (Iea) nel suo World Energy Outlook 2022, diffuso oggi.
    La domanda complessiva di combustibili fossili secondo il rapporto “calerà costantemente dalla metà degli anni Venti al 2050, con una media annuale grosso modo equivalente alla produzione di un grande giacimento petrolifero durante tutta la sua vita”.
    Secondo il World Energy Outlook 2022, nello scenario basato sulle politiche attuali degli stati (al netto di ulteriori sforzi per la decarbonizzazione), l’uso del carbone calerà nei prossimi anni, dopo l’aumento attuale a seguito della crisi. La domanda di gas naturale raggiungerà un livello fisso (plateau) alla fine di questo decennio. Le vendite in aumento di veicoli elettrici avranno come conseguenza che la domanda di petrolio si livellerà alla metà degli anni Trenta, prima di rifluire leggermente fino alla metà del secolo.
    La percentuale di combustibili fossili nel mix energetico globale, date le politiche attuali, scenderà da circa l’80& di oggi a circa il 60% nel 2050. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source