Evergrande: Fitch taglia rating a ‘restricted default’

Pubblicità
Pubblicità

Fitch taglia il rating di Evergrande sulla valuta estera di lungo termine, e quello delle controllate Hengda e Tianji, a livello di ‘restricted default’ (Rd) dal precedente ‘C’. La misura, si legge in una nota dell’agenzia di valutazione, segue il mancato pagamento dei coupon offshore per 82,5 milioni di dollari, alla scadenza dei 6 dicembre dei 30 giorni del periodo di tolleranza. 

Con il suo provvedimento, Fitch ha certificato il primo default di Evergrande, che per settimane è riuscita a evitare il peggio con pagamenti quasi all’ultimo momento utile: il rating di “restricted default” indica che un’entità è inadempiente su uno o più impegni finanziari, pur continuando a onorare altri impegni finanziari. Il mancato pagamento degli ultimi coupon offshore per 82,5 milioni di dollari “è coerente con un rating ‘Rd’ (restricted default), che indica la scadenza non sanata di qualsiasi periodo di grazia, di riparazione o di tolleranza per inadempimento applicabile a seguito di un mancato pagamento su un’obbligazione finanziaria materiale”, ha rimarcato l’agenzia in una nota.

Il problema del rischio di Evergrande è “un evento di mercato e i diritti e gli interessi dei creditori e degli azionisti saranno rispettati nell’ordine del loro risarcimento legale“. Lo ha detto il governatore della Banca centrale cinese, Yi Gang, durante un seminario online sul ‘posizionamento e prospettiva del centro finanziario internazionale di Hong Kong’. Di riflesso, a oltre un’ora dalla chiusura degli scambi, i titoli Evergrande balzano del 4,62% a Hong Kong, risollevandosi dai minimi storici toccati per il mancato pagamento di coupon offshore per 82,5 milioni di dollari, alla scadenza di lunedì dei 30 giorni di tolleranza. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source