EY, ‘frenano le Ipo nel mondo ma non a Piazza Affari’

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 05 LUG – Frenano le quotazioni in Borsa a livello globale nel secondo trimestre del 2023, con il numero di operazioni in flessione del 5% e la raccolta che crolla del 36%, ma l’Italia si muove in controtendenza rispetto a questo scenario: Piazza Affari, segnala il Global Ipo Trends di EY, ha accolto 15 nuove società (+25%) e raccolto il 12% in più di capitali.
    “Pur in un contesto mondiale economicamente ancora sfidante per via degli effetti delle tensioni geopolitiche e macroeconomiche, in determinati settori strategici, come quello tecnologico e delle energie rinnovabili, si segnala una ripresa anche se lenta delle attività di Ipo”, spiega Paolo Aimino, Ipo e Capital Markets Leader di EY in Italia.
    “Le aziende stanno infatti dimostrando una significativa capacità di resilienza: risulta quindi determinante per le società in fase di Ipo prepararsi per le prossime ‘finestre’ e concentrarsi sulla costruzione di valore sul lungo termine, ovvero in ottica di sostenibilità, per essere pronte alle prossime sfide e opportunità. In tale contesto – afferma Aimino – il mercato italiano ha mostrato segnali di controtendenza grazie a tre operazioni rilevanti sul mercato principale che hanno permesso a Euronext Milano di diventare il decimo mercato in termini di raccolta di capitali nel semestre”. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source