Finproject e Versalis (Eni), operazione nel segno di Mattei

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ANCONA, 29 SET – “Un’operazione industriale, nata da un’opportunità e non da una necessità”. Maurizio Vecchiola, presidente e ad di Finproject definisce così lo scenario dell’acquisizione del gruppo marchigiano, leader in Italia del compounding e della produzione di manufatti ultraleggeri, da parte di Versalis, società chimica del gruppo Eni, che, già proprietaria del 40% del pacchetto azionario, ha esercitato l’opzione di acquisto del restante 60%. Operazione che si chiuderà nel quarto trimestre 2021 e che era in gestazione da “almeno un paio di anni” dice Vecchiola. Cioè da prima del covid. Le proiezioni sono di chiudere il 2021 “con un giro di affari di 232 milioni di euro”. Il Gruppo Industriale Finproject, fondato 56 anni fa da Euro Vecchiola con sede a Morrovalle (Macerata), ma con 11 impianti di produzione e ricerca in vari Paesi e tre uffici di rappresentanza (Usa, Brasile e Turchia), circa 2.200 dipendenti in tutto il mondo, “non era in vendita” sottolinea Vecchiola. Giunto al termine naturale l’apporto di alcuni Fondi di private equity, è cominciato il dialogo con Versalis e “ci siamo accorti che parlavamo la stessa linguae avevamo gli stessi valori: attenzione al Territorio e responsabilità sociale per le comunità e le persone”. Gli stessi portati avanti dal fondatore dell’Eni, il marchigiano Enrico Mattei, figura ancora di riferimento per il mondo dell’impresa. Ma l’operazione con Versalis offre “prospettive di crescita nella direzione della transizione verde e della sostenibilità”. Secondo il presidente e ad di Finproject, “il territorio beneficerà di questa operazione, l’azienda ne sarà rafforzata in un contesto di grande solidità”. L’operazione garantisce la continuità operativa del Management e dei collaboratori. Immutato il core business, resta anche il brand Xl Extralight per i prodotti ultraleggeri destinati al settore moda (calzature soprattutto, ma anche borse) e ad altri, tra i quali industria del wellness, sicurezza, automotive, arredamento. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source