0181d0a6a90d4a55a9d47430b2dd9cc

Immobili: Sogeea, +63% aste negli ultimi sei mesi

Economia
Pubblicità
Pubblicità

0181d0a6a90d4a55a9d47430b2dd9cc

(ANSA) – ROMA, 23 FEB – Negli ultimi sei mesi il mercato delle aste immobiliari fa registrare “un aumento del +63%. Due case su tre costano meno di 100mila euro. Nelle Isole l’aumento è del +284%”. Lo rileva il Centro Sogeea nel suo Rapporto semestrale sulle aste immobiliari in Italia presentato oggi in Senato. “Circa 1/3 delle abitazioni all’asta si concentra nel nord Italia, macroarea in cui l’impennata è stata di quasi il 30%”, prosegue il rapporto. “Le case che costano meno, sotto i 200mila euro, sono l’89%. Questa crisi colpisce, ancora una volta, le fasce più deboli”, sottolinea Sogeea. Nello specifico “le procedure rilevate a fine 2020 sono 15.146, a fronte delle 9.262 rilevate nel precedente mese di luglio” pari quindi al +63,5% in sei mesi. Circa un terzo delle abitazioni in vendita (5.798 unità) si concentra nel Nord del Paese, macroarea in cui l’impennata delle procedure forzate è stata pari al +27,7%.
    Ancora più severo il dato del Mezzogiorno, ma la brusca risalita è trascinata dalle Isole, dove l’aumento si attesta al +284% (2.105 contro le 584 del semestre precedente) e del +113% nella parte peninsulare (3.027 a fronte delle 1.423 di luglio 2020).
    Grave la situazione anche al Centro dove si è verificato un aumento del +64%, le procedure rilevate a fine 2020 sono 4.216, mentre quelle di sei mesi fa erano 2.566″. In testa alla classifica delle Regioni la Lombardia, con 2.100 immobili. A seguire ci sono il Lazio (1727 immobili, +118% rispetto a luglio 2020), la Sicilia (1564 immobili, +250%) e il Piemonte (1532 immobili, più del doppio rispetto allo scorso semestre). Saldo negativo per il Veneto (333 immobili rispetto ai 1517 del semestre precedente), la Liguria (286 rispetto ai 334 di luglio 2020) e il Molise (49 immobili rispetto ai 54 precedenti). Sopra quota mille immobili ci sono la Campania (1187 unità, rispetto ai 437 del semestre scorso), le Marche (1028 rispetto ai 678 del semestre precedente), la Toscana (1131 rispetto ai 1063 di luglio 2020). (ANSA).
   



Go to Source