Inps: sale assegno cig, 80% salario fino a 1.222 euro lordi

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 17 FEB – Aumentano i massimali della cassa integrazione dal 2022 con l’aumento dei prezzi. Da gennaio chi è sospeso dal lavoro grazie all’ammortizzatore avrà l’80% della retribuzione fino a un massimale di 1.222,51 euro lordi al mese pari a 1.151,12 euro netti. L’aumento lordo rispetto all’anno scorso è di poco più di 22 euro al mese. E’ quanto emerge da una circolare dell’Inps che ricorda come quest’anno – come prevede la legge di Bilancio che introdotto nuove norme sugli ammortizzatori sociali – scatti la soglia limite unica per cui ci saranno vantaggi rispetto all’anno scorso per coloro che rientravano nella soglia più bassa ora abolita.
    Da quest’anno – si legge – per i trattamenti relativi a periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa decorrenti dal 1° gennaio 2022, è stabilito “il superamento dei previsti due massimali per fasce retributive attraverso l’introduzione di un unico massimale – il più alto – annualmente rivalutato secondo il suddetto indice Istat, che prescinde dalla retribuzione mensile di riferimento dei lavoratori”.
    Per il settore edile in caso di intemperie stagionali l’importo lordo massimo è 1.467,01 euro mentre il netto è 1.381,34 euro. Per il Fondo credito i massimali sono legati alla retribuzione del lavoratore e vanno dai 1208,83 euro per retribuzioni lorde inferiori a 2.225,74 euro a 1760,23 euro per retribuzioni superiori a 3.518,34 euro. L’importo massimo lordo della Naspi, l’indennità di disoccupazione non può superare dal 2022 i 1.360,77 euro come quello della Discoll, la disoccupazione dei collaboratori. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source